27 settembre 2010

MORTO E MULTATO PER DIVIETO DI SOSTA

Nemmeno la dolce liberazione della morte ci può liberare dall'implacabile multa.Incredibile,
strano ma vero,eppure è successo pochi giorni fa......su una strada di New York dove le violazioni per divieto di sosta sono un'evento comune come la morte.

Secondo la famiglia e la polizia,Nicholas Rappold di 21 anni, di Flushing,era deceduto al posto di guida della sua Jeep Cherokee nei pressi della St.35a Avenue.
 

Alle prime ore del mattino,un'agente del traffico gli appose sul tergicristallo un mandato di comparizione per aver illegalmente parcheggiato durante le ore di spazzatura della strada.

Ma nessuno si rese conto che era morto per un'altra ora,fino a quando un suo amico,nella cui casa poco distante aveva trascorso le ultime ore della notte,notò la Jeep Cherokee ancora parcheggiata allo stesso posto,incuriosito lo rinvenne accasciato sul volante e con l'avviso apposto sul parabrezza.

Secondo le affermazioni della  famiglia,l'ufficiale del traffico probabilmente vide il corpo senza vita,ma non fece nulla:"Avrebbe potuto almeno bussare per vedere se andava tutto bene"
dissero.

Per la polizia,il giovane con alle spalle una storia di droga,morì per overdose ed il veicolo aveva i vetri fortemente oscurati tanto da rendere difficile poter vedere all'interno.

Deve essere stata davvero una tinta scura per non notare il ragazzo morto.

Ma alla fine grazie ad un raro gesto di umanità,Rappold effettivamente ebbe fortuna,si perché la polizia annullò la sua citazione per divieto di sosta!

Ref:http://www.wpix.com

Protected by CopyrightSpot

Nessun commento:

Loading...