13 agosto 2010

UN TAVOLO PARTICOLARE

Proprio quando pensi di sapere e aver visto tutto......

Sono passati un pò di anni,forse una ventina da quando iniziò a circolare questa storia e sicuramente alcuni di voi non l'avranno neanche mai letta,anche se dietro ad ogni leggenda si nasconde sempre una storia vera,questa,è stata considerata come una "leggenda urbana".

Jeff Green che viveva in Arizona,all'epoca aveva 32 anni,amava così tanto sua moglie,che alla sua scomparsa fece un qualcosa di molto insolito."Non riuscivo più a contenere il dolore dopo la sua morte,così decisi di portarla a casa” raccontò.

Lucy era nata con una patologia cardiaca che la condusse alla morte per infarto a soli 29 anni nel 1990,le sue ultime parole a Jeff furono:"Ci rivedremo in paradiso". Ma tutto ciò non bastò ad alleviare la sua disperazione,non poteva vivere all'idea che la sua Lucy lo abbandonasse.

"Parlai con il custode del cimitero e spiegai i miei sentimenti.Parlai anche con le autorità e ottenni un permesso speciale per portare mia moglie a casa con me".

"Avranno pensato che fossi strano,ma io preferì averla in casa anziché due metri sottoterra.Lucy,aveva un grande senso dell'umorismo e sono sicuro che avrebbe apprezzato l'idea di diventare il mio tavolo da caffè". Jeff ordinò un contenitore speciale,che previene il processo di decomposizione del cadavere:"Mi è costato circa $ 6.000,00,ma ne valse la pena."

Alcuni dei suoi amici e parenti smisero di fargli visiata,altri rispettarono la sua decisione,altri ancora addirittura commentarono che si trattava di"un bel pezzo di arredamento".


Nella maggior parte degli stati,compresa l'Arizona,esistono leggi specifiche che disciplinano la corretta conservazione dei corpi dei defunti,e di solito non includono norme circa la loro conservazione in un salotto.

1. L”involucro in vetro speciale" appare più come un acquario per pesci di grandi dimensioni.

2. Anche dopo essere stato imbalsamato,il cadavere non regge per molto tempo,non importa dove sia conservato.

Vero o falso?


ref:http://missosixnine.blogspot.com/

Nessun commento:

Loading...