27 agosto 2010

STUPEFACENTE FRODE

Ecco qualcosa di cui non si parla tutti i giorni,sicuramente ne avrete sentite tante,ma questa volta ai primi posti ci sono due donne,mente e cervello operativo che architettarono un'elaborato quanto sofisticato stratagemma per frodare le compagnie di assicurazione per più di $ 1 milione,e lui il caro estinto fantasma...

In base a quanto comunicato dall'Ufficio del Procuratore del Tribunale di Los Angeles,due donne del sud della California la 67enne Jean Crump un'impiegata di una ormai defunta casa mortuaria a Long Beach  e Faye Shilling di 61,di Hawthorne,un ex-infermiera che lavorava nella stessa casa funerale,insieme ad altre due complici Lydia Eileen Pearce di 37 anni,proprietaria della Pearce Mortuary Steward a Long Beach,California e Barbara Lynn 54 anni,un notaio di Los Angeles,in precedenza tutte dichiaratesi colpevoli.


Furono accusate di truffa e frode federale,per aver truffato per più di tre anni alcune compagnie 
di assicurazione,incassando non solo il premio delle polizze vita il cui valore nominale variava dai $ 50.000 a $ 450.000 stipulate in precedenza ed intestate a persone inesistenti che dopo un certo periodo sostenevano fossero morte,mettendo poi in scena i loro funerali,ma anche le spese funerarie gonfiate oltre misura che le stesse compagnie rimborsavano,secondo l'accusa  prima di essere arrestate le donne avevano già incassato quasi $ 1 milione e raccolto altri 250.000 dollari al momento dell'arresto.


L'accusa sostenne che il giro di migliaia di dollari era collegato a conti bancari facenti capo all' impresa di pompe funebri di Long Beach,ora chiusa,la cui proprietaria imputata si dichiarò colpevole delle accuse in relazione a quella che il procuratore chiamò una "farsa".

Come parte del disegno criminale,dopo aver preparato e presentato i relativi certificati di morte autentificati dal notaio Barbara Lynn,mettevano in scena dei veri e propi funerali per dare al tutto più credibilità,addirittura in certi casi acquistando anche il terreno per la sepoltura,in realtà le bare venivano riempite con vari materiali per far sembrare che contenessero cadaveri reali o come in altri casi,dicendo che i resti erano stati cremati e dispersi in mare,quando in realtà  la persona ed  il suo rispettivo cadavere non erano mai esistiti.


Nella requisitoria,Faye Shilling e Jean Crump vennero accusate di aver sottoscritto polizze vita a nome di Jim Davis presso la "American Life Insurance" per $ 450.000  e presso la "Conseco Life Insurance" per $ 250.000.

Secondo l'accusa, "Jim Davis" fu sepolto all' Avid Memorial Park a Compton,con un regolare funerale,ma Jim Davis non era mai esistito e non vi era alcun corpo sepolto presso il cimitero,
poco dopo la sua supposta morte,la compagnia Conseco versò  poco più di $ 232.000 quale indennizzo previsto dalla polizza vita.

Le due menti diaboliche,vennero accusate anche di truffa alla "Chesapeake Life Insurance" in relazione ad una polizza vita di $ 50.000 intestata ad una donna di nome "Laura Urich" mai esistita,per la cui morte la Shilling ricevette 34 mila dollari d'indennizzo..

L'accusa sostenne inoltre,che offrirono ad un medico 50 mila dollari per creare altri falsi certificati di morte,sostenendo che i "morti" erano probabilmente persone fittizie,ma che tuttavia l'identità di persone reali potrebbero essere state rubate.

Le due donne furono imputate di cinque capi di accusa,ogni imputazione prevede un massimo di 20 anni di carcere,tenuto conto dei loro 60anni d'età,sommando tutti i capi potrebbero trascorrere il resto della loro vita in prigione.
 



Protected by CopyrightSpot

Nessun commento:

Loading...