18 agosto 2010

CHI C'E' NELLA MIA BARA?

Un morto che telefona al suo funerale ?!...questa è una delle storie più divertenti ma allo stesso tempo fu una sorpresa sconvolgente per tutta la famiglia.

Dane Squires di St. Philip's,quel giorno era in ritardo per il suo funerale e la sua presunta scomparsa si trasformò in qualcosa di molto più bizzarro,spaventando tutti gli interessati.Almeno sembrava che molte persone tra familiari ed amici si fossero riuniti presso una casa-funerale di Toronto per piangere lui,un ex-saldatore in pensione di Terranova, che si credeva fosse stato investito da un treno.

Ma,come i parenti stavano guardando la bara,appena caricata su di un carro funebre pronto per dirigersi verso il crematorio,il direttore della casa funerale corse ansimando verso la figlia del supposto defunto,Trina,dicendole che c'era una telefonata molto importante per lei.

Dane Squires,suo padre,il presunto morto e sepolto nella bara,era dall'altra parte del telefono,sconcertato,asserendo di essere assolutamente vivo e vegeto ed in buona salute.

"C'è un fantasma che mi parla al telefono.Per favore qualcuno cerchi di dare un senso a tutto questo perché mi stà scoppiando la testa",urlò sconvolta la figlia.


Sua sorella Diana,raccontò poi che negli ultimi anni era diventato un vagabondo,tanto che non era una cosa insolita per il fratello sparire improvvisamente per andare a trovare amici a Toronto per quattro o cinque giorni ed anche più.

Infatti,il mancato defunto si rese conto della bizzarra situazione venutasi a creare,solo quando lesse il suo necrologio sul giornale.Dopo un'affrettato viaggio di ritorno,si presentò altrettanto inaspettatamente a casa della sorella che troppo sconvolta per partecipare al rito funebre,preferì rimanere a casa
,per farle sapere che era vivo,mentre a pochi isolati di distanza il suo funerale era in corso.

Per la povera donna già provata si trattò di un secondo colpo quando se lo vide apparire davanti,andando in svenimento.Da lì telefonò alla figlia bloccando il suo funerale......

(Dane Squires con in mano una carta memoriale dal suo recente servizio funebre.Foto: http://www.getstockphotos.ca)

Alcuni giorni prima,Diana sentì che un'uomo senza fissa dimora era stato ucciso da un treno,il suo primo pensiero andò a suo fratello Dane,che non vedeva e sentiva da molto tempo.

Contattò la polizia e presso la camera mortuaria alla presenza del coroner identificò il corpo come quello di suo fratello,ma in verità come in seguito venne accertato,si trattava del corpo di un'altro uomo senza fissa dimora,che era stato investito mentre attraversava i binari da un treno di pendolari.

Il corpo rimase gravemente mutilato nel sinistro,tuttavia,oltre alla sorprendente somiglianza,altri elementi:"Stessi denti,stessi occhi,il naso ed una cicatrice,tutto combaciava.Tanto che ho
pensato che fosse mio fratello",affermò.

La famiglia,al termine di quella agitata ed indimenticabile giornata,si riunì per festeggiare con un brindisi l'avvenimento,il mancato defunto fu l'unico a prendere l'intera storia e la sua "morte" con buon umore:"Beh,io sono l'ospite d'onore qui e ho un nuovo nome.Non ho ancora deciso come mi chiamerò se Lazzaro o Gesù” disse.....

ref: http://www.cbc.ca

Nessun commento:

Loading...