3 dicembre 2009

RESUSCITATA

I funerali in generale comportano dolore,normalmente si eseguono per accompagnare il defunto nel suo cammino verso il cielo o in visita a Belzebu',pero' cosa pensare se la persona come in questo caso,rivive in pieno funerale ?
Errore miracoloso o miracolo divino ?

E' questa la domanda che i medici e la famiglia si sono posti,(piu' la famiglia e la gente che i polemici medici) dopo che una giovane disabile Yerenia Lández di 23 anni,affetta da un'handicap cerebrale congenito,il suo corpo è come quello di una bambina di nove anni
fù dichiarata morta presso l' ospedale “Roberto Alvarado” di Masaya,a 28 km.da Managua
(Nicaragua),ma comincio' a muovere le braccia e a respirare con difficoltà durante la veglia funebre;

Yerenia,soffre di una malattia congenita al cervello e la settimana scorsa improvvisamente cesso' di muoversi sulla sua sedia a rotelle;All'ospedale dove venne prontamente ricoverata,i medici ne confermarono il decesso,secondo quanto raccontato alla stampa da sua sorella Elizabeth,le fu posto il cotone nel naso,nelle orecchie e nelle parti intime,i dottori questi essere intelligenti anziché inviarla all'obitorio per una autopsia onde determinare le cause del decesso,:"dissero che la procedura sarebbe stata molto lunga e costosa,pero' se avevamo una macchina ci avrebbero consegnato subito il corpo"(- un'ospedale con un locale-obitorio mal funzionante,se non del tutto fuori uso-);

Sua cognata Lillian racconta che quando ando' a prelevare il corpo,ebbe l'impressione che Yerenia fosse viva,ma i medici la rimproverarono quando lei fece queste osservazioni;

L'Ufficio della Procura dei Diritti Umani,avvio' un'inchiesta onde accertare le eventuali responsabilità;

Secondo la versione del Dr.Enrique Picado medico internista,che insieme ad altri cinque medici seguirono l'evolversi della situazione fino a dichiararne la morte di Yerenia Lández :

"Tutti hanno pensato che fosse morta,erano scomparsi tutti i segni vitali,non respirava e presentava un'aspetto cianotico";

Secondo la storia medica,la paziente era malata da tre giorni,fu' medicata una prima volta presso la sua casa,fino a quando le sue condizioni peggiorarono e ricoverata quindi in ospedale il 14 aprile c.a.alle 6 di sera;

"Quando ricevemmo la paziente le applicammo un'intubazione endotracheale,informando la madre delle sue condizioni critiche,presentava disidratazione grave e problemi respiratori";

"Al momento di asportare il tubo dalla trachea,presentava cianosi generale(pelle viola),le pupille dilatate (aperte),il suo cuore non batteva,tutto fu' confermato sia dal monitor cardiaco che dalle tracce elettrocardiografiche";

"Dopo che Yerenia presento' le caratteristiche che comportano una diagnosi di morte,rimase ancora in emergenza per 40 minuti e dato che l'obitorio del nostro ospedale è in pessimo stato,avviammo le pratiche affinchè la madre potesse ritirare il corpo";

Tre ore dopo che avevano portato il corpo a casa, i familiari avvisarono il Dr.Picado che la ragazza respirava,dopo otto giorni il suo stato ha subito una evoluzione favorevole,essendo seguita congiuntamente da un pediatra e da un'internista;

Antecedenti patologici
Secondo la sua storia clinica,la ragazza presentava sin dalla nascita “paralisi cerebrale infantile” deformazione degli arti superiori per vecchie fratture,diabete,aritmia cardiaca e denutrizione;

“Durante il funzionamento di questo ospedale,sono quattro i casi (incluso l'attuale) che si sono verificati in analoghe situazioni,pazienti dichiarati morti perchè non presentavano segni vitali,pero' è la prima volta che si presenta una situazione clinica di questo tipo”;

A parere del Dr.Silvio Navarro Direttore dell'Ospedale,per determinare se una persona è morta si effettuano due tipi di esami:"l'elettrocardiogramma e se non presenta segni vitali,si effettua l'esame della pupilla";

"Puo' succedere che dall'esame dell'elettrocardiogramma non risultino segni vitali,pero' l'esame della pupilla a volte indica il contrario,perché può essere che il cervello è ancora in funzione senza che il cuore batta,pero' se anche dall'esame delle pupilla non risulta nessuna reazione,allora è certo che il paziente è morto";

"Già si erano verificati quattro casi analoghi nell'ospedale di Masaya";

Il primo caso è stato nel 1992 quando la madre di Alfonso Galeano's - che era apparentemente morto per arresto cardiaco,si sveglio' quando gli diede un bacio sulla guancia,durante la veglia funebre;

"Dieci anni fa ci fu un caso analogo a Yerenia,dove un neonato era morto per un attacco cardiaco,ma quando l'infermiera lo porto' in lacrime all'obitorio,si accorse che era vivo ",ha detto il dottor Francisco Rodriguez, responsabile della commissione di neonati dell'ospedale di Massaya;

Secondo il medico,dopo quel giorno ci fu' un terzo caso simile con un'altro neonato che sembrava essere morto;

Il quarto caso è quello riportato della giovane Yerenia Lández,che era stato data per morta.

"Non c'è una spiegazione scientifica per dire perché queste cose succedono,ma da quello che so è che in nessun caso possa trattarsi di negligenza medica," ha dichiarato il Dr. Enrique Picado;









Nessun commento:

Loading...