26 novembre 2009

DEFUNTO VIVO ?

La vita dei residenti della sonnolenta città di Mata Grande,situata nell'entroterra di Alagoas,(Brasile) venne sconvolta il 19 novembre 2007 quando si sparse la notizia che un uomo era stato sepolto vivo.Tutto questo è successo durante la sepoltura di Benvinda Anthony Pereira di 90 anni,nel cimitero comunale.

Per evitare il peggio ma poi il peggio è accaduto,i medici decisero di trasferirlo in fretta all'ospedale Paulo Afonso,ma durante il tragitto in ambulanza Antonio Pereira,prima della sua supposta morte,cesso' di respirare sei volte;"Ogni volta che smetteva di respirare fermavo l'ambulanza,fino a quando l'infermiera e la figlia di Anthony mi dissero che era appena morto",cosi' affermo' l'autista Maferson Brandão.

Ma durante il viaggio di ritorno a Mata Grande l'uomo cominciò a respirare di nuovo,l'infermiera gridò: "E' vivo e respira di nuovo." L'autista,quasi senza capirci piu' niente,in fretta ritorno' in ospedale in cerca di aiuto,ma alcune ore più tardi,i medici confermarono che Antonio Pereira era morto a causa di una insufficienza respiratoria.

Durante la veglia funebre tutto si svolse normalmente come in un qualsiasi altro funerale,ma nell'accompagno a piedi verso il cimitero,alcune persone si resero conto che il corpo del defunto sudava all'interno della bara,deducendo che fosse ancora vivo.Arrivati in cimitero,un suo nipote chiese ai becchini di sollevare il coperchio della bara per vedere se suo zio fosse ancora vivo o meno,tutti i presenti erano convinti e credevano nella possibilità che l'uomo fosse ancora vivo e decisero di chiamare un medico;

In pochi minuti la notizia si sparse e tra curiosità e timore il cimitero si gremì di persone a vedere un morto seduto nella bara;"Come fa un corpo morto,ad essere caldo e sudato? L'ho trovato strano,disse il nipote del defunto.

Il medico,dopo aver ricevuto la chiamata della famiglia,rimase sorpreso nel sapere che c'era una "morto vivente" nella bara,ansioso,si recò al cimitero per vedere se era ancora vivo,ma dopo averne verificato il corpo,spiego' ai presenti che il sudore era solo dovuto alla temperatura esterna troppo alta,accertando che era propio morto.

Al momento della sepoltura,non ancora convinti e dubbiosi,molti insistettero a non seppellirlo.
"Per me,non lo seppellirei e aspettarei un po' " cosi' disse il nipote non credendo alle parole del dottore;Nonostante il caos creato,tra dubbi ed incertezze,il corpo di Antonio Pereira venne sepolto da solo tre persone,mentre gli altri parenti si rifiutarono di seppellirlo,per paura di ritrovarsi con il rimorso di averlo ucciso;
Secondo la famiglia era ancora vivo.......


Nessun commento:

Loading...