2 luglio 2010

LO STRANO BUSINESS DI OSSA UMANE

Il contrabbando di scheletri e ossa umane in Bangladesh è in aumento nel distretto di Murshidabad nello stato indiano del Bengala Occidentale,così scrive il quotidiano Independent.Dopo l'oro,il traffico di scheletri è diventato il business più remunerativo nel commercio illegale tra l'India ed il Bangladesh.

Nel 1985 il governo indiano vietò l'esportazione di ossa umane,dopo che l'Associazione per i diritti umani fece luce su come le ossa venivano raccolte,in particolare nelle regioni a nord-est dell'India,prima del divieto,ai commercianti era consentito acquistare legalmente i cadaveri dai parenti,ed esportare gli scheletri.Tuttavia,da allora nonostante il divieto di esportazione il commercio illegale divenne fiorente in molte parti del paese a causa di leggi inefficaci e della povertà.

Citando il vice ispettore generale della polizia del Bengala Occidentale Vikash Chandra,il quotidiano ha riportato che "una ventina di scheletri e ossa umane sono stati recentemente sequestrati nella zona di confine nel distretto di Murshidabad".Sah Kamal di 39 anni,che contrabbandava ossa da più di 10 anni,fu catturato con l'accusa di furto,mentre portava 67 crani umani e 10 ossa su un autobus a Chhapra,nello stato di Bihar,grazie ad alcuni passeggeri che avevano notato un osso sporgere da un sacchetto sotto il sedile.Questo,spiega il portavoce della polizia,sottolinea il fallimento delle autorità a debellare la pratica.

"E 'stato catturato accidentalmente.E 'difficile tenere d'occhio i contrabbandieri di ossa in queste vaste aree.Ci mancano attrezzature,personale e competenze per porre fine a questa pratica ",ha detto Sudhir Kumar Chaturvedi,il funzionario incaricato delle indagini.Secondo la polizia,la spedizione era destinata ad un intermediario che lavora presso il Rajinder Hospital nel distretto Siliguri del Bengala Occidentale,un boss in questo grande business del commercio degli scheletri.

L'arrestato,che risiede a Champaran nel Bihar,confesso' di aver comprato i teschi e ossa presso un sito usato per le cremazioni a Ballia per $ 14 (Dh51),le ossa dovevano essere inviate in Cina per essere utilizzate nella produzione di droghe afrodisiache,il prodotto finito veniva a sua volta esportato in Europa e Stati Uniti.Il pagamento anticipato dei resti umani pari a $ 75,era stato effettuato dall'agente dell'ospedale ancora prima della consegna.

Lo scorso settembre,in un controllo di routine,la polizia arrestò tre persone di Chhapra su un autobus diretto a Siliguri,recuperando 27 teschi di bambini e 100 ossa.

"Preferiscono contrabbandare teschi e ossa in sacchi operando in maniera molto naturale.
Viaggiano in autobus e si mescolano con la gente per evitare sospetti ".

"Non vi è alcuna legittimazione a questo commercio,anche se l'erede del defunto non ha diritto di vendere gli organi dei propi defunti.L'unica eccezione è che alcune parti del cadavere possono essere donate ad enti autorizzati per la ricerca medica",asserì Majid Menon,un avvocato penalista.

Ma le pessime condizioni economiche di un gran numero di persone che vivono in stati come il Bihar,il Bengala Occidentale,l'Jharkhand e alcune parti di Uttar Pradesh,hanno favorito i contrabbandieri.Le gang rubano anche i cadaveri dai roghi in fiamme nelle zone di cremazione una volta che i familiari si sono allontanati.Una cremazione secondo i rituali indù può costare circa 80 dollari,una cifra fuori dalla portata di milioni di poveri in India.

Molti di coloro che non possono permettersi una cremazione scaricano i loro parenti morti nei fiumi dove i contrabbandieri sono in agguato con reti da pesca.I corpi una volta recuperati dalle acque sono poi nascosti in luoghi isolati,lungo la riva del fiume e lasciati a decomporsi prima che vengano trattati con acido cloridrico e soda caustica per staccare il tessuto rimanente dalle ossa.Gli scheletri sono poi puliti,confezionati in scatole di cartone o sacchi di juta,prima di essere traghettati nel Bangladesh attraverso il confine fluviale da giovani.

Cinque anni fa la polizia ha recuperato circa 1000 teschi dalle rive del fiume Falgu nell'antica città buddista di Bodhgaya.

L'abbondanza di cadaveri ed i bassi costi per i trafficanti ha reso parecchie città del nord-ovest del paese famose per il commercio illegale.I trafficanti acquistano gli scheletri e ossa dai becchini o scavando nei cimiteri.Nel West Bengala la polizia arrestò una banda di ladri di tombe pochi anni fa,dopo che decine di cadaveri furono riesumati dai cimiteri islamici nel distretto di Burdwan.L'episodio fece infuriare la comunità musulmana,che richiese maggiori garanzie di protezione per i loro cimiteri.

La polizia ha anche accusato gli addetti degli obitori degli ospedali per la vendita di cadaveri non reclamati:"Poco importa loro.Non è solo illegale,tutto questo è disumano ed immorale.Ma questi criminali considerano più caro il denaro che i valori umani".

Negli ultimi quattro anni 100 contrabbandieri e becchini sono stati arrestati a Chhapra.Secondo le stime,20.000-25.000 scheletri sono stati contrabbandati fuori dall'India ogni anno attraverso il Nepal,la Cina e il Bangladesh,raggiungendo i mercati degli Stati Uniti,Giappone,Europa e Medio Oriente,soprattutto per le istituzioni mediche.

Il prezzo di uno scheletro completo in questi mercati varia da $ 700 a $ 1.500,a seconda della qualità e dimensione.In India uno scheletro completo costa circa 350 dollari al mercato autorizzato.

Mentre gli scheletri completi per lo più trovano la loro strada verso i laboratori e scuole di medicina soprattutto in Occidente,le ossa e teschi assortiti sono utilizzati per lo più in rituali religiosi indù e buddisti,come parte dei loro rituali tantrici,molti tantristi del Nepal e di Assam in India,usano bere il vino in teschi umani.


continua........................

Nessun commento:

Loading...