17 dicembre 2009

CONDANNATI DALLA MATEMATICA

Le leggi della fisica e della matematica sfatano i miti popolari su vampiri e fantasmi,e le storie inquietanti diventano più credibili :
I Vampiri non possono esistere.

Perché? Perché in caso contrario,avrebbero spopolato rapidamente la terra.

Per confutare l'esistenza dei vampiri,Kostas Eftimiou,un professore di fisica presso l'Università Centrale della Florida,si è basato su un principio di base della matematica noto come “progressione geometrica”,dimostrando che non solo i fantasmi non sarebbero in grado di camminare e passare attraverso i muri.Ma che l'esistenza dei vampiri è in totale contraddizione con le leggi della matematica,e se le cose stessero realmente secondo quanto tramandatoci dalle credenze popolari,tutta la popolazione umana nel 1600 sarebbe stata spazzata via,o meglio vampirizzata,in meno di tre anni;

Per dimostrarlo,il Prof.Efthimiou ha preso in considerazione per i suoi calcoli,un'ipotetico anno,il – 1600 - in particolare,ipotizzando una popolazione mondiale,pari a 536.870.911milioni di abitanti e valutando cosa fosse accaduto,se un vampiro improvvisamente fosse apparso sulla terra.

La previsione dei calcoli,si basa prendendo come base il principio che un vampiro abbia bisogno di nutrirsi di sangue "solo una volta al mese",e che in virtù di tale evento,il vampiro generi un'altro vampiro.

Quindi,se un solo vampiro in azione genera un'altro vampiro il primo mese,avremmo due vampiri ed una riduzione della popolazione pari a 536.870.911 - 1 = 536.870.910.

Nel secondo mese,i due vampiri in azione,trasformerebbero altre due persone in vampiri - in modo da ottenere tre vampiri -,riducendo cosi' la popolazione di 536.870.911-3= 536.870.908.

Come si puo' vedere dal tabulato,- il numero dei vampiri è in aumento in progressione geometrica,e la popolazione è altrettanto decrescente - se questa tendenza fosse continuata,l'intera popolazione umana sarebbe stata trasformata in vampiri in soli 30 mesi..;

Certo,si sarebbe potuto aumentare il numero delle nascite,ma il tasso di natalità non avrebbe mai potuto tenere il passo.Così,l'implacabile logica degli autori ci porta ad una sola conclusione:

"Nel lungo periodo,gli esseri umani non avrebbero potuto sopravvivere in queste condizioni,anche se la nostra popolazione fosse raddoppiata ogni mese",ha detto Efthimiou "E il raddoppio è chiaramente ben al di là della capacità umana di riproduzione".

Ma gli autori,non hanno considerato nei loro calcoli l'intervento dei "vampire hunter" o "vampire slayer" (cacciatori di vampiri);

Pensate in questo modo:in base a quanto calcolato dal mondo accademico,dopo cinque mesi,ci sono solo 16 vampiri,un numero irrisorio che poteva essere eliminato rapidamente in poche serate;

Ma a 12 mesi - solo pochi mesi più tardi - il numero dei vampiri sale a 2.048,troppi per poter essere eliminati in un singolo mese;

Così il periodo migliore,sembra davvero essere dagli otto ai dieci mesi - quando il numero dei vampiri passa rispettivamente da 128 a 512.Una situazione piu' realistica per un cacciatore di vampiri di annientarli in un solo mese,supponendo che ne uccida da 2 a 8 per notte;

Si può quindi concludere che i vampiri non esistono,in quanto la loro esistenza è in contraddizione con l'esistenza degli esseri umani.Per inciso,secondo la logica,la prova presentata è conosciuta come "reductio ad absurdum",cioè "riduzione all'assurdo";

Comunque sia,non mi fido di scienziati e non mi fido di formule matematiche,e quindi continuero' ad indossare la mia inseparabile collana d'aglio intorno al collo e a passeggiare con il mio caro bastone di biancospino.Si tratta ovviamente di un vampiro,di uno studio che ha lo scopo di far abbassare la guardia,fidarsi è bene,non fidarsi è meglio !!










Nessun commento:

Loading...