10 agosto 2009

LA CATALESSI E RUFINA CAMBACERES

La ragazza che mori' due volte

Questa è la storia di Cambacérès Rufina,ricche e varie sono le versioni sulla vita e la morte di questa ragazza, passata attraverso questa vita, quasi come un sospiro, una miscela di amore, orrore e tragedia, Dio solo sa perché ...

All'interno del nebbioso e magico cimitero della Recoleta, a Buenos Aires,si erige una scultura che immortala la giovane figlia del famoso scrittore argentino Eugenio Cambacérès, che con le sue acide opere e satire mise a nudo tutta l'ipocrisia dell'alta societa' del fine 800,società che grido' allo scandalo e lo ripudio' ,quando nel 1876 Eugenio conobbe Luisa Bacichi appena 17enne una mora e giovane ballerina italiana nata a Trieste 11 marzo del 1855,che era in tourne' con una compagnia di spettacolo,e che poi sarebbe diventata sua moglie ;

Tra un viaggio e l'altro tra Argentina e Francia,dove la coppia spesso si recava ,anche per curare la sua tubercolosi,il 31 maggio del 1883 a Parigi,nasce Rufina,che sarà l'unico frutto di questo matrimonio,crescendo si dimostro' timida,solitaria e di salute delicata ,e quando nel 1888 suo padre mori' all'età di 45 anni di tubercolosi mentre si trovava a Parigi,questi tragici avvenimenti aumentarono ancor di piu' la sua introversione e solitudine;

Cosi' Luisa e la giovane figlia Rufina di quattro anni restarono sole, nella loro villa.

Tale condizione esistenziale peggioro',quando sua madre,soprannominata in seguito dalla buona società "la Bachicha," quattro anni piu' tardi (1892), divento' "il tesoro" di Hipolito Yrigoyen,colui che da lì a pochi anni sarebbe diventato il futuro presidente della nazione ,dal quale ebbe anche un figlio, Luisito;

Tuttavia,le avventure sentimentali del futuro presidente furono le piu' discusse e pubblicamente condannate dai suoi avversari politici. In uno di questi rapporti informali (ma si pensa che sia il frutto del suo primo matrimonio) ebbe una figlia che lo accompagnò per tutta la sua vita fino alla morte, Elena Yrigoyen,ma si dice che ci fossero in giro altri 9 figli frutto di altre avventure;

Un menage familiare abbastanza travagliato e movimentato quello di Hipolito Yrigoyen,tra un mix di avventure sentimentali,politica e pettegolezzi nel mondo dell'alta aristocrazia;

Passano gli anni e a 14 anni Rufina era una ragazza molto bella attirando l'attenzione di molti giovani rampolli dell'alta società ,ma rimaneva sempre una enigmatica ed indifferente damigella;

Quindi ,quando Rufina arrivo' al suo 19° compleanno erano presenti sulla scena familiare : il fratellastro Luis ( o Luisito) che aveva circa 6 anni e anche la prima figlia naturale Elena;

Il 31 maggio 1903,compiva 19 anni e sua madre organizzo' un grande ricevimento nella loro residenza ,per terminare poi al Teatro Colon,ad ascoltare operette liriche che erano una delle cose che Rufina amava molto ;


E da questo momento che vengono fornite diverse versioni,sta' di fatto che in qualsiasi modo si siano svolti i fatti,il destino di Rufina si compie dal momento che viene trovata esamine nella sua camera.

Una prima ipotesi,che mentre in camera si preparava per andare a teatro ,una sua intima amica le rilevo' un segreto che conservava da molto tempo : "Il suo fidanzato,(l'uomo che Rufina amava segretamente) era anche l'amante della sua bella madre ",l'impatto di questa confessione le procuro' una síncope;

Una seconda ipotesi,secondo una versione contorta e non comprovata dell'epoca,che viene riportata nel libro di Victoria Azurduy,si dice che la madre di Rufina, Luisa ,molto spesso le somministrava un sonnífero quando si incontrava clandestinamente con il suo su amante,che in verità era il pretendente di sua figlia;

O forse che Rufina,appresa la triste verità,assunse una dose massiccia di sonnifero ?;

("quindi Hipolito Yrigoyen non poteva essere l'amante segreto di Rufina come riportato da molti" )

Si dice anche che accorse un medico, presente alla festa,che confermo' che si era trattato di una sincope,piu' tardi,tre medici (si crede tre illustri medici dato l'avvenimento) diagnosticarono e certificarono la sua morte;

Ma nessuno si accorse che Rufina era caduta in un profondo stato di Catalessi,che neanche i medici seppero diagnosticare,portandola alla tomba.

L'indomani mattina,con una rapida e mesta sepoltura (senza troppi cerimoniali e pubblicità),secondo una fedele ricostruzione storica dello scrittore Omar López Mato, autore del libro "Ciudad de Angeles",la bara fu' sistemata temporaneamente all'interno della cripta dove riposava il suo amato padre Eugenio,nel cimitero della Recoleta ;

Tuttavia,questa triste storia non era ancora finita,continuando con un nuovo orrore.

Pochi giorni dopo o il giorno dopo,un familiare o il custode della cripta di famiglia (secondo diverse distinte versioni),scopre che il coperchio della bara era aperto e rotto ,la ragazza con le mani e il viso graffiati nel suo estremo tentativo di fuga;

Rufina vittima di un attacco di catalessi,si svegliò nel buio della tomba e torno' a morir per la seconda volta di paura e disperazione,e come in seguito verrà accertato,per un infarto;

La versione ufficiale dei fatti,fu' che la tomba venne saccheggiata perche' la giovane Ruffina venne sepolta con i suoi gioielli ,pero' la pesante porta in ferro della cripta, risulto' essere chiusa e non forzata;

Si dice anche , che il fidanzato segreto di Rufina,scoperta la trama dopo la sua spaventosa morte, si suicido' di fronte al Caffè Tortoni, venti giorni dopo la morte di lei,lasciando una confessione scritta,che tuttavia non fu mai pubblicata;

Sua madre Luisa,visse il resto della sua vita torturata dal senso di colpa che sua figlia fù sepolta viva per un'attacco di catalessi;In seguito,fece costruire per sua figlia un nuovo sepolcro in stile liberty,opera dello scultore tedesco Richard Aigner,che in maniera inequivocabile la rappresento'.

"La statua diede adito ad una leggenda?" "O fu' il contrario?"

Qualunque sia la verità,la doppia morte di Rufina ,fu' considerata vera e reale ,la inequivocabile rappresentazione artistica e l' incredible realismo del monumento,sommati ai dubbi e alle circostanze della sua improvvisa morte, diedero vita a differenti leggende di amore e di censura,nella critica società di Buenos Aires dell'epoca;

Luisa e Hipolito Yrigoyen vissero insieme fino alla vecchiaia ,la madre di Rufina si spense nell'anno 1924 all'età di 69 anni,otto anni dopo circa Hipolito Yrigoyen ;

Rufina Cambacérès ha portato con se una sofferenza d'amore,che termino' con la sua vita in una giovane età;



Nessun commento:

Loading...