13 aprile 2010

IL CASO DI LARRY DONNELL GREEN

Quella tragica sera del 24 gennaio 2005 Larry Donnell Green di 29 anni venne dichiarato morto sulla scena dell'incidente dopo essere stato investito da un'auto,il personale paramedico intervenuto non prese alcuna iniziativa per rianimarlo e dopo averlo rinchiuso nel classico sacco termico,lo trasferirono all'obitorio,secondo un rapporto pubblicato dai commissari del Franklin County.E' stato più di due ore dopo l'incidente che si accorsero per puro caso,che era vivo;

Il Procuratore Darnell Batton,dettagliò l'incidente in un rapporto ai commissari della contea nel febbraio 2005,la denuncia fornisce una cronologia degli eventi :

20:53 - Un'unita' medica di pronto intervento della contea di Franklin (Carolina del Nord ) ed un'altra unità del Fire Department di Epsom,furono inviati sul luogo dell'incidente.

20:54 - Wade Kearney II,( paramedico fuori servizio del Franklin County EMS)arrivò per primo con una unita' d'emergenza del Fire Department insieme a due vigili del fuoco,accertò la mancanza di segni vitali,l'assenza di qualsiasi impulso,nessun segno di respirazione e nessun movimento del torace,rilevando solo un copioso sanguinamento causato da un trauma cranico.Sulla base di tali valutazioni,e del solo esame ad occhio come si suol dire,dichiarò la morte del paziente.

Poco dopo una seconda unità EMS arrivò sul posto con Katherine Lamell e Paul Kilmer,entrambi paramedici del Franklin County SME,il Kearney riferì loro che Green era morto,che non riusci' a trovare alcun impulso vitale e chiese di eseguire un secondo controllo,Paul Kilmer rispose che la sua valutazione era abbastanza sufficente (secondo la testimonianza del Kearney e dei due vigili del fuoco presenti).Tuttavia,nel rapporto viene evidenziato che non utilizzarono ne il monitor cardiaco o lo stetoscopio che erano nell'ambulanza;

Quando arrivarono altri operatori del soccorso,Kearney e Kilmer ripeterono che Green era morto,e basandosi su tali affermazioni anche loro non eseguirono alcun ulteriore controllo,ed il corpo fu coperto con un telo bianco;

Kilmer dichiaro' di non ricordare di aver pronunciato tali frasi,ma non lo negò.

21:00 - arrivarono altri due paramedici,Ronnie Wood specialista in emergenza medica e Pamela Hayes del Rescue di Louisburg,costatando che il corpo era stato coperto con un telo,furono informati che il paziente era morto ed anche in questo caso basandosi sulle dichiarazioni dei loro colleghi,non eseguirono un'esame del corpo o utilizzarono un monitor cardiaco.

21:31 - Il medico-legale Dott.JB Perdue della Contea di Franklin,arrivò sulla scena e decise di aspettare l'arrivo di un'ufficiale dell'ufficio di presidenza della Contea per l'identificazione,prese appunti per quanto riguardava la posizione del corpo e le condizioni del veicolo che lo aveva investito.

21:40 - Anche se la legge non richiede che l'esaminatore medico si rechi sulla scena dell'incidente,tuttavia il Dott.JB Perdue si presentò mezz'ora dopo iniziando l'esame del corpo,una delle prime cose che fece fu scoprire il petto di Green,sollevando ed effettuando poi una torsione della gamba destra rotta,rigirando il corpo ed inserendo un dito guantato nella ferita della testa;

A quel punto,i sette vigili del fuoco presenti che reggevano un telone per proteggere il corpo dagli sguardi dei curiosi,notarono quello che sembrava essere un movimento del petto e dell'addome,"Doc,lui respira?" così Kearney sentì dire dai vigili del fuoco,ma il dott.Perdue rispose che “il movimento era causato dall'aria fuoriuscita dal corpo che era stato girato'';

Nella relazione il dott.Perdue affermo' di non ricordare tali particolari;

22:06 -Terminato l'esame autorizzò la rimozione del corpo,che fu trasportato all'obitorio di Louisburg; Alla morgue,il dott.Perdue alla presenza dei paramedici Pamela Hayes e Ronnie Wood che avevano caricato e trasportato il corpo dal luogo dell'incidente in obitorio,esegui' un secondo esame,prelevando un campione di sangue,chinandosi ad annusare intorno alla bocca onde accertare la fonte di un'odore di alcol che fu' rilevato,sollevando poi le palpebre degli occhi "ed in quell'istante la ciglia superiore dell'occhio destro di Green sussultò più volte'',-si afferma nella relazione del procuratore della contea - Pamela Hayes chiese allora al medico se era sicuro che il paziente fosse morto,lo stesso attribuì la contrazione muscolare dell'occhio al cambiamento di temperatura dell'aria,"è come una gamba di rana che salta in padella" le rispose.

La Hayes uscì fuori e riferi' ad un'altro paramedico vicino all'ambulanza circa quelle strane contrazioni dell'occhio,asserendo:"Non mi sento bene per questo".

Non ancora convinta la Hayes rientrò nell'obitorio e chiese nuovamente per la seconda volta al Dott.Perdue se era sicuro che Green fosse morto.Anche dopo che le fu data la seconda risposta affermativa tuttavia continuò a non sentirsi a proprio agio.Dopo l'esame,il corpo di Green venne nuovamente inserito nel sacco termico all'interno della cella frigo,dove la temperatura era mantenuta a pochi gradi sopra lo zero.

La giovane vittima probabilmente sarebbe rimasta miseramente agonizzante nella cella frigo,se non fosse stato per il sopraggiungere in obitorio intorno alle ore 23:20 di un'agente della polizia stradale,che dovendo stendere un rapporto chiese al dott.Perdue di aiutarlo a determinare le parti del corpo in cui Green era stato colpito.

Quando questi apri' nuovamente il sacco,noto' lievi movimenti dello stomaco e dell'addome,il medico riferì che tuttavia non riuscì a trovare alcun impulso,nè sul collo,coscia e polso,nessun battito cardiaco,nessun segno di respirazione neanche con lo stetoscopio,all'ertata immediatamente l'unità EMS,venne collegato all'ECG che più di due ore dopo l'incidente rivelò un ritmo cardiaco.
Prontamente trasferito in elicottero presso l'unità di terapia intensiva del Duke University Medical Center di Durham,vi arrivò in condizioni critiche.

L'inchiesta,accerto' che i paramedici nonostante avessero messo ripetutamente in discussione se Green fosse effettivamente morto,non presero immediatamente alcuna iniziativa per la rianimazione,non eseguendo quanto richiamato dal protocollo EMS(Emergency Medical Services) e previsto in simili casi,facendo troppo affidamento sul parere del dott. Perdue,invece di agire in risposta ai loro dubbi e preoccupazioni.

Secondo poi quanto previsto dal protocollo di servizio presso il Franklin County,che essenzialmente riflette la politica dello SME,i paramedici non sono tenuti a tentare la rianimazione,se non riescono a percepire alcun impulso vitale e il paziente mostra segni di morte;

Nella marea dei dubbi e delle incertezze tuttavia,l'Ufficio di Stato per i Servizi Medici d'emergenza,cinque giorni dopo che venne erroneamente dichiarata la morte del giovane,licenziò e sospese le licenze dei due paramedici Wade R.Kearney II di Henderson e Paul Kilmer di Louisburg,per violazione alle regole EMS,con la motivazione ''per mancanza di competenza nella pratica,non dimostrando un ragionevole grado di abilità e sicurezza.''

Mentre i paramedici part-time Pamela Hayes e Katherine Lamell,Phillip Grissom Jr.ed il volontario EMT Ronnie Woode tutti imputati,furono sospesi dal servizio e dalla retribuzione,fino a quando le indagini in corso non siano grado di determinare cosa e perchè sia andato storto.A Pamela Hayes e Katherine Lamell fu ordinato di seguire una corso di formazione prima di poter essere riammesse in servizio;

"Vi è stato un terribile errore e siamo su un binario veloce per far si' che tali problemi siano corretti,in modo che non si creino piu' situazioni di questo tipo in futuro," - cosi' si espresse il responsabile sanitario del Franklin County -"E' un peccato che sia successo - non ci sono dubbi,stiamo esaminando la questione circa le eventuali responsabilità e siamo impegnati a correggere gli errori che sono stati fatti";

Successivamente all'incidente,vennero adottate nuove misure di salvaguardia,quali la richiesta di un secondo operatore medico per verificare l'assenza di segni vitali e se disponibile,l'utilizzo di un monitor per verificare la presenza di un ritmo cardiaco prima che la morte sia dichiarata.

Il Dr.John Butts,capo esaminatore medico dello Stato del North Carolina non intraprese alcuna azione disciplinare nei confronti del dott.Perdue :” Fece tutto cio' che la legge prevedeva in simili circostanze,non vi sono elementi per censurare un veterano con 34 anni di esperienza”,

"Andò, perché era stato informato che un'uomo era morto a seguito di violenza o trauma" -disse - ''Non si presentò con la borsa di un medico e lo stetoscopio,ma con una matita e la carta per ottenere informazioni,il lavoro del medico legale è quello di analizzare e documentare gli aspetti e le circostanze della morte,non per valutare le condizioni del paziente a accertare la presenza di segni vitali o confermare o negare che la vittima sia morta”.

Il Dr.JB Perdue dal canto suo esclamò di non aver mai visto un caso come questo:''Io non sono per qualsiasi maniera responsabile per la dichiarazione di morte. ... Ovviamente, io sono in sintonia con la famiglia,il mio cuore è rivolto a loro e le mie preghiere sono che questa persona si riprenda" - " Il medico legale è chiamato dopo la morte ad indagare e determinare le cause e le modalità della morte,e non a dichiarare la morte del paziente,qualcun'altro pronuncio' erroneamente la sua morte ";

Malgrado la denuncia a sua carico dei genitori :“intenzionale e lasciva negligenza in qualità di esaminatore medico della contea di Franklin ”,la Corte d'Appello si è pronunciata recentemente concludendo che il medico JB Perdue non fece nulla di sbagliato,quindi non responsabile neanche per la falsa certificazione di morte;

In base agli ultimi aggiornamenti del 2008,Green che ora vive in una casa di riposo,è stato ricoverato per due mesi con un grave trauma cranico,frattura alla gamba ed altre lesioni,iniziò a pronunciare qualche parola cinque mesi dopo l'incidente.Secondo la dichiarazione dei suoi genitori,oltre a subire danni cerebrali irreversibili tanto da non essere piu' in grado di svolgere una vita normale,dovettero sopportare anche gli enormi costi per l'assistenza sanitaria e relative cure mediche.

Nella causa in corso,nei cofronti dei paramedici incriminati,oltre alla richiesta di risarcimento danni per lesioni permanenti,e di $ 20.000 per danni compensativi e per lo stress emotivo e negligenza,si battono affinchè fatti come quelli successi al loro figlio non debbano piu' accadere;

In realtà,chi può dire che il personale paramedico non abbia operato bene,e che Larry Donnell Green non sia tornato spontaneamente dal regno dei morti?

''Potrebbe essere stato l'Onnipotente,egli ha sempre l'ultima parola''.

ref:http://www.centralpafire.com
atti del tribunale
:http://www.aoc.state.nc.us/www/public/coa/opinions/2010/pdf/090787-1.pdf




Nessun commento:

Loading...